Ciro riconosciuto, libretto, Mantova, Pazzoni, 1758

 SCENA XI
 
 CIRO e poi ARPALICE
 
 CIRO
 Ah tramonti una volta
 questo torbido giorno e sia più chiaro
 l'altro almen che verrà!
 ARPALICE
                                             Mio caro Alceo,
1195tu salvo! Oh me felice! Ah vieni a parte
 de' pubblici contenti. Il nostro Ciro
 vive, si ritrovò; quel che uccidesti
 era un vile impostor.
 CIRO
                                         Sì! Donde il sai?
 ARPALICE
 Certo il fatto esser dee; queste campagne
1200non risuonan che Ciro.
 CIRO
 E tu Ciro vedesti?
 ARPALICE
                                    Ancor nol vidi.
 Corriam...
 CIRO
                      Ferma, il vedrai
 pria d'ognun, tel prometto.
 ARPALICE
                                                    E Ciro...
 CIRO
                                                                      Ah ingrata
 tu non pensi che a Ciro. Il tuo pastore
1205già del tutto obbliasti. E pur sperai...
 ARPALICE
 Non tormentarmi Alceo. Se tu sapessi
 come sta questo cor...
 CIRO
                                          Siegui.
 ARPALICE
                                                          Né vuoi
 lasciarmi in pace?
 CIRO
                                    Ah tu non m'ami.
 ARPALICE
                                                                      Almeno
 veggo che non dovrei. Ma...
 CIRO
                                                    Che?
 ARPALICE
                                                                Ma parmi
1210debil ritegno il naturale orgoglio.
 Parlar di te non voglio; e fra le labbra
 ho sempre il nome tuo. Vo' dal pensiero
 cancellar quel sembiante; e in ogni oggetto
 col pensier lo dipingo. Agghiaccio in seno
1215se in periglio ti miro. Avvampo in volto
 se nominar ti sento. Ove non sei
 tutto m'annoia e mi rincresce; e tutto
 quel che un tempo bramava or più non bramo.
 Dimmi or tu che ne credi; amo o non amo?
 CIRO
1220Sì, mio ben, sì, mia speme...