Il mondo alla roversa o sia Le donne che comandano, libretto, Amburgo, 1754 (Il mondo alla roverscia o sia Le donne che comandano)

 SCENA IV
 
 RINALDINO
 
 RINALDINO
 Il periglio passato
1105cauto mi ha reso e colla donna accorta
 cieco più non sarò. Tulia peraltro
 non è delle più scaltre,
 che se tal fosse stata
 questa spada serbata io non avrei,
1110per troncare con questa i lacci miei.
 Onde amarla poss'io senza timore
 che ingannare mi voglia il di lei cuore.
 
    Per la campagna
 lieta s'aggira,
1115mai non si lagna
 la tortorella,
 se accanto a quella
 sta il caro ben.
 
    Tal s'oggetto
1120son del suo amore,
 perché sospira
 dunque il mio core
 né lieto in petto
 lo sento appien!